Città Metropolitana di Bologna Comune di Bologna - Iperbole rete civica
Home > Studi > Il Catasto urbano nel Comune di Bologna

Il Catasto urbano nel Comune di Bologna

Periodo di riferimento: 2020
Questo studio consente di navigare i dati del catasto della città felsinea attraverso differenti modalità di lettura: la composizione in gruppi e categorie catastali, l'articolazione sul territorio secondo i tre livelli di quartiere, zona e area statistica, le variabili di analisi relative a numero di immobili, vani, superficie, rendita e valore immobiliare. A livello comunale i dati sono disponibili dal 2009 (serie storica). A livello subcomunale i dati si riferiscono agli anni 2018, 2019 e 2020.
immagine infografica catasto 2021

Nell’ambito di un contesto nazionale che va verso l'integrazione degli archivi gestionali presenti all'interno di ciascuna amministrazione, l’Ufficio di Statistica del Comune di Bologna  ha deciso di analizzare la composizione e le caratteristiche del patrimonio immobiliare iscritto nell'archivio catastale.

Mediante una comparazione tra gli archivi catastali relativi a differenti periodi, lo studio fornisce informazioni sull’evoluzione del patrimonio immobiliare nel corso del tempo (dati disponibili dal 2009), sia in termini complessivi sia con riferimento alle differenti categorie catastali.

E’ possibile consultare i dati secondo le tradizionali variabili che descrivono il catasto, ovvero numero di immobili, numero di vani, superficie e rendita. Per facilitare la lettura sono state calcolate anche delle variabili derivate: il numero medio di vani, la superficie media, la rendita media. Per quanto riguarda il valore degli immobili, al fine di fornire un dato più vicino a quello reale, è stato introdotto il valore immobiliare, calcolato a partire dalla rendita (per la definizione del valore immobiliare si veda la nota metodologica). Di conseguenza, è stato calcolato anche il valore immobiliare medio e il valore immobiliare al metro quadro.

A partire dal 2018 è stato possibile georeferenziare, per la prima volta, le informazioni secondo le articolazioni geografiche della nostra città, ovvero i quartieri, le zone e le aree statistiche. Tutto ciò rappresenta un notevole sviluppo delle analisi in campo immobiliare e ci consente di monitorare con continuità nel tempo quelle informazioni che storicamente erano disponibili soltanto da elaborazioni svolte in occasione delle rilevazioni censuarie o delle statistiche edilizie.

Lo studio si compone di alcune brevi analisi sulle principali caratteristiche e sull’evoluzione del patrimonio immobiliare bolognese, consultabili cliccando sui link sottostanti, e di un ambiente navigabile interattivo articolato in quattro “storie”: la prima rappresenta una vista in serie storica (dal 2009 al 2020), la seconda e la terza forniscono una fotografia territoriale del catasto al 31 dicembre negli anni 2018, 2019 e 2020, la quarta raffigura la variazione assoluta degli indicatori considerati negli anni 2018 e 2020. Ogni “storia” si sviluppa su quattro aggregati di analisi: l’intero stock catastale, gli immobili residenziali, quelli non residenziali (terziario, commerciale, produttivo) e le pertinenze.

E’ possibile così personalizzare l’analisi delle variabili catastali attraverso vari livelli di dettaglio: gruppo, categoria e classe catastale, anno di riferimento, quartiere, zona e area statistica. In tal modo è possibile costruire delle viste personalizzate approfondendo l'analisi in base alle differenti esigenze.